Servizio civile

Partecipa alla selezione.

I giovani, di età compresa tra i 18 e 28 anni, di cittadinanza italiana, interessati al Servizio civile volontario possono partecipare ai bandi di selezione dei volontari pubblicati nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana presentando, entro la data di scadenza prevista dal bando, domanda di partecipazione.
La domanda di partecipazione, in carta semplice, è indirizzata all’Ente che ha proposto il progetto, è redatta utilizzando il modello allegato al bando, deve contenere l’indicazione del progetto prescelto ed essere corredata, ove possibile, di titoli di studio, titoli professionali, documenti attestanti esperienze lavorative svolte.
E’ ammessa la presentazione di una sola domanda per bando.
L’ente sceglie, tra i profili delle candidature presentate, quelli più adeguati alle attività operative previste dal progetto. I candidati selezionati vengono inclusi in una graduatoria provvisoria che diventa definitiva dopo la verifica dei requisiti previsti dal bando. Successivamente l’UNSC con proprio provvedimento dispone l’avvio al servizio dei volontari, specificando la data di inizio del servizio e le condizioni generali di partecipazione al progetto.
Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha pubblicato il Bando per la selezione di 1395 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione Emilia Romagna e il relativo Allegato 1. Per maggiori informazioni consultare il sito del Servizio Civile (clicca qui).
I documenti da allegare alla domanda di partecipazione al Servizio Civile Nazionale sono:
– ALLEGATO 2 – DOMANDA DI AMMISSIONE
– ALLEGATO 3 – DICHIARAZIONE TITOLI
– CURRICULUM VITAE
– FOTOCOPIA DI UN DOCUMENTO D’IDENTITA’ VALIDO
LA DOCUMENTAZIONE DOVRA’ ESSERE PRESENTATA ENTRO E NON OLTRE LE ORE 14.00 DEL 26 GIUGNO 2017 ESCLUSIVAMENTE SECONDO LE SEGUENTI MODALITA’:
1) con Posta Elettronica Certificata (PEC) – art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio, 2009, n. di cui è titolare l’interessato avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf;
2) a mezzo “raccomandata A/R”;
3) consegnata a mano.
Non saranno accettate domande pervenute per posta ordinaria o prioritaria o per fax.
Ricordiamo che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi SCN oggi pubblicati.
Alleghiamo il nostro progetto “LA RETE CRESCE”, in forma originale e sintetica.
Le selezioni si svolgeranno il 29 giugno prossimo, giovedì, a partire dalle ore 14,00 presso la sede dell’Associazione, in via Curiel, 51 a Forlì. I criteri di selezione adottati saranno quelli indicati dal decreto del capo dell’Ufficio Nazionale del Servizio Civile n. 173 dell’11 giugno 2009.

pubblicato il 1 giugno 2017 15:17:32

Il sistema regionale del Servizio civileServizioCivileLogo

Il sistema regionale del Servizio civile è composto dal Servizio civile nazionale e da quello regionale.
Il primo comprende le attività di Servizio civile all’estero, nell’ambito del quale la Regione svolge le competenze gestionali attribuite dalla legislazione nazionale, quali la tenuta dell’albo degli enti accreditati, la verifica e l’attuazione dei progetti.
Il secondo, quello regionale, definisce un programma parallelo a quello nazionale, organizzato esclusivamente all’interno dei confini regionali. Quest’ ultimo riguarda i giovani, italiani e stranieri, tra i 18 e i 29 anni, gli adulti e i minori che vogliono prestare servizio gratuitamente.
All’interno del sistema regionale del Servizio civile un ruolo fondamentale è svolto dai Coordinamenti provinciali degli enti di servizio civile (Co.Pr.E.S.C), istituiti dalla Legge regionale del Servizio civile, n.20 del 2003: si tratta di associazioni di natura mista, composte da soggetti pubblici e privati, interessate a promuovere il Servizio civile e orientare i giovani nelle loro scelte, senza sostituirsi agli enti che direttamente promuovono i progetti di volontariato, i quali rimangono titolari e responsabili della gestione.

L’obbiettivo è di utilizzare questo servizio come propria risorsa e come risorsa per la crescita dei giovani che vorranno scegliere la nostra associazione per prestare il loro servizio.